Stintino spiagge più belle da non perdere da La Pelosa a Le Saline

Stintino, le spiagge più belle da non perdere tra incantevoli baie e spettacolari tramonti

Stintino spiagge più belle

Stintino, le spiagge più belle da non perdere tra incantevoli baie e spettacolari tramonti

I tour in Sardegna sono senza alcun dubbio uno dei nostri fiori all’occhiello, è facile innamorarsi di quest’ isola meravigliosa dove ogni scorcio è meraviglia, dove ogni tramonto è un’emozione, dove ogni città è una scoperta.

Basti pensare a città come Alghero soprannominata la piccola Barcellona, oppure, Bosa il borgo dei mille colori.

E che dire delle sue spiagge, dei veri e propri angoli di paradiso.

Ed è proprio in alcune delle spiagge più belle della Sardegna che vogliamo portarvi quest’oggi.

Ma prima di iniziare sognate con noi, chiudete gli occhi ed immaginate di essere distesi sul bagnasciuga mentre le onde delicate del mare intonano in sottofondo un dolce motivo.

Il sole sulla pelle, il vento dolce che vi accarezza il viso… Cosa si potrebbe mai desiderare di più?

Bene tutto questo è possibile! Vi state chiedendo come? Per scoprirlo, care e cari Happy Agers, non dovrete fare altro che seguirci in questo nostro viaggio alla scoperta delle incantevoli baie e degli spettacolari tramonti della Sardegna.

Stintino le spiagge più belle

La Sardegna da nord a sud è costellata da spiagge e da un mare smeraldo come quello che si vede nelle cartoline di qualche isola esotica. In particolare, quest’oggi ci concentreremo nella parte occidentale dell’isola.

Vedrete che la nostra prima tappa non deluderà le vostre aspettative, perché vi sembrerà davvero di nuotare nel mar dei Caraibi.

Stintino e la spiaggia de La Pelosa

Partiamo questo nostro tour alla scoperta delle spiagge più belle della Sardegna da Stintino dove a circa tre chilometri a sud si trova forse “La spiaggia più bella della Sardegna”. Non a caso rientra nella top ten delle spiagge più spettacolari al mondo.

Avete capito di quale stiamo parlando? La Pelosa!

Duecentosettanta metri di sabbia bianca e finissima, bagnata da acque basse e tranquille dalle fluorescenti sfumature di verde ed azzurro. Vedrete che sarà impossibile resistere al richiamo di questo mare da favola.

La spiaggia de La Pelosa è inoltre circondata dalla tipica macchia mediterranea, con cespugli di ginepri che indomabili spuntano qua e là. Il profumo del mare, mescolato a quello delle bacche di questi arbusti, inebriano l’aria tutta intorno.

Ma non è tutto? Quel che rende così caratteristica La Pelosa è anche il paesaggio che si manifesta al cospetto di questa spiaggia da sogno. Di fronte alla riva, mentre nuotate nelle acque magiche di questo mare, non potrete non notare un piccolo isolotto sul quale è stata costruita a fine ’500 una torre aragonese della quale restano che le rovine. Questa torre è diventata l’icona de La Pelosa.

Perché si chiama La Pelosa

Vi sono diverse teorie sull’origine del nome ma alcune sono tra le più avvalorate. Vediamo quali:

  1. Questa spiaggia viene chiamata spiaggia de La Pelosa in onore alle praterie di Posidonia che ondeggiano al largo sui suoi fondali.
  2. Ancora, sembrerebbe che il nome deriverebbe dagli strani ciuffi che sbucano tra strana vegetazione presente tra le dune.
  3. La terza teoria ipotizza che il nome originale non sarebbe La Pelosa ma “Sa Palosa“, dovuto all’abbondanza di paglia marina, ovvero, un particolar tipo di alga che si deposita proprio sui fondali di questa piccola oasi di paradiso.

Regole per visitare La Pelosa

Per salvaguardare la bellezza unica di questa spiaggia e dunque arginare l’erosione e la scomparsa della sua sabbia bianca, da quest’anno sono entrate in vigore alcune regole rigidissime, che vi invitiamo a seguire scrupolosamente:

  • non fumare;
  • vietato portare via sabbia, sassi e conchiglie;
  • non abbandonare i rifiuti;
  • usare obbligatoriamente le stuoie da mettere sotto gli asciugamani;
  • rimuovere i granelli dai piedi sotto le apposite fontanelle;
  • accesso a numero chiuso su prenotazione e pagamento di un tiket.

La sua fama, non fa che accrescere di anno in anno i turisti che, provenienti da ogni parte del mondo, decidono di fare un tuffo nelle sue acque limpide.

Se desiderate godere però del mare di Sardegna, ma al tempo stesso, desiderate trascorrere le vostre vacanze un po’ più lontani dalla folla estiva, ecco che abbiamo una spiaggia che fa al vostro caso.

Spiagge Stintino: la Pelosetta

La Pelosetta è la gemella de La Pelosa, ma nella versione in miniatura. La Pelosette è lunga infatti soltanto 40 metri! Un vero concentrato di sabbia bianca ed acque azzurrissime.

Si trova a circa 300 metri un po’ più a nord della spiaggia de La Pelosa nella penisola di Stintino. Anche le sue acque sono molto limpide, con l’unica differenza che i fondali della Pelosetta possono diventare, anche se molto gradualmente rocciosi e profondi.

Dunque, anche se viene considerata come spiaggia sicura, se decidete di andare in vacanza con i vostri nipotini prestate comunque attenzione.

In realtà, non si può proprio dire che questa spiaggia sia molto più riservata della sua Gemella, pertanto, se desiderate la vera tranquillità vi consigliamo di esplorare la zona. Vi sono molte calette segrete per queste più intime che fanno al caso vostro.

Cala del Vapore e Coscia di Donna

Vi basterà spostarvi sulla costa ovest per trovare un po’ di pace e tranquillità in più. Ed ecco che qui, ancora incontaminate, schive e selvagge vi solo due bellissime calette: Cala del Vapore e Coscia di Donna.

Cala del Vapore

Cala del Vapore così chiamata per il relitto affondato a soli sei metri dalla riva, è caratterizzata da acque limpide color verde smeraldo.

Si tratta di una caletta rocciosa, caratterizzata da fondali rocciosi e di media profondità. Se avete l’attrezzatura adatta, vi consigliamo di immergervi per esplorare il vaporetto che si trova sul fondo del mare.

Cala Coscia di Donna

Cala Coscia di Donna, come la sua vicina è caratterizzata da un mare verde smeraldo con qualche sfumatura di azzurro intenso qua e là. Si tratta di una piccola spiaggia caratterizzata da ciottoli e ghiaia.

I suoi fondali sono rocciosi quasi subito profondi. Non si prestano dunque, per una vacanza in famiglia. Ma se siete amanti dell’avventura, dello snorkeling e delle immersioni allora questa spiaggetta è proprio ciò che state cercando.

Tuttavia, data la conformazione rocciosa di queste due calette, vi sconsigliamo di non recarvi nelle giornate di maestrale. Infatti, i venti molto forti ai quali sono esposte potrebbero mettere in difficoltà anche i più esperti.

La spiaggia de Le Saline a Stintino

Dopo queste due piccole calette un po’ più defilate, è arrivato il momento di continuare il nostro tour alla scoperta di un’altra delle spiagge più belle della Sardegna. Stiamo parlando de Le Saline.
Situata lungo la costa del nord Sardegna, la spiaggia de Le Saline è una perla di rara bellezza.

Non crederete alla meraviglia del suo mare cristallino che intona ogni sfumatura di azzurro. Il suo fondale basso e sabbioso la rendono perfetta per godersi il mare in tutta sicurezza. Mentre nuotate nelle sue acque limpide, non è raro trovare la compagnia di pesci di diversa specie.

Se non amate particolarmente la sabbia, ecco che questa striscia di paradiso è caratterizzata da piccoli sassolini bianchi di quarzo.

La spiaggia prende il nome dalle saline risalenti alla fine del duecento, ovvero un grande stagno che si trova alle sue spalle.

Un lembo di terra che divide in due le acque, uno spettacolo che trova il suo momento migliore al tramonto, quando il cielo ed il mare si colorano di arancio definendo meglio i contorni della vecchia tonnara abbandonata risalente al seicento.

Inaspettatamente Le Saline nelle giornate ventose diventano perfette per praticare sport come Surf, windsurf e kitesurf.

Piaggia Ezzi Mannu

Poco distante dalle Saline, troviamo un’altra spiaggia che merita assolutamente di essere visitata. Si tratta della spiaggia di Ezzi Mannu, un tratto di costa selvaggio, ma al tempo stesso qui troverete un paradiso.

Non solo, nonostante la bellezza rara del suo mare, questa spiaggia lunga diversi chilometri resta comunque riservata, per questo vi sembrerà di essere su un’isola semideserta.

Situata nel comune di Stintino, la spiaggia di Ezzi Mannu regala, come dicevamo prima, un mare da favola, nel quale è difficile cogliere quante sfumature di verde ed azzurro si alternano.

Non solo, la sabbia è davvero stupenda caratterizzata da piccolissimi frammenti di quarzo e piccoli sassolini simili a chicchi di riso.

Non è ancora finita.

A rendere il suo paesaggio ancor più suggestivo, è l’oasi naturale dalla quale è circondata con gli stagni Cesaraccio e Pilo. Qui la fauna è piuttosto ricca. Non è difficile avvistare specie come l’airone rosso, la garzetta e il martin pescatore.

E che dire della macchia mediterranea rigogliosa che sorge alle spalle di questa bellissima spiaggia di Stintino che incornicia il paesaggio con dei meravigliosi gigli bianchi, che all’imbrunire si colorano di rosa.

Stintino la spiaggia de La Pazzona

È arrivato il momento di lasciare questa isola felice per approdare in un’altra meravigliosa spiaggia. Al confine con la spiaggia di Ezzi Mannu, troviamo la spiaggia de La Pazzona.

Anche questa è una valida alternativa all’affollata spiaggia della Pelosa. Qui troverete un mare particolarmente brillante. I raggi del sole che si specchiano nella acque candide di questa spiaggia, creano dei giochi di luce unici. Ma questa non è l’unica particolarità di questa spiaggia.

La Pazzona, è un arenile di frammenti di quarzo e ghiaia, con qualche duna punteggiata qua e là da ginepri, il cui profumo inebria l’aria. Una piscina a cielo aperto nella quale tuffarvi e lasciarsi trasportare dalle sue dolci onde.

Un consiglio non dimenticate la maschera e le pinne perché i suoi fondali regalano delle sorprese inaspettate.

Il nostro toru termina qui, ma le spiagge di Stintino sono davvero moltissime, ognuna con le sue peculiarità, in grado di regalare emozioni da immortalare negli occhi, nel cuore ed ovviamente in una foto.

Piccole baie riservate, calette rocciose, mare aperto, spiagge selvagge ed incontaminate, distese di sabbia bianca e finissima, lembi di terra di quarzo, natura, fauna, macchia mediterranea ce n’è davvero per tutti i gusti.

Ovviamente sta a voi trovare il vostro angolo di paradiso in Sardegna.

Ovviamente nei pressi di Stintino oltre alle sue spiagge è d’obbligo anche una visita all’isola dell’Asinara e alle Grotte di Nettuno.

In attesa di partire, per il momento continuate a sognare insieme a noi il mare di Stintino, in Sardegna.

I tour di Happy Age in Sardegna

Se desiderate scoprire la Sardegna, le spiagge più belle di Stintino ed i suoi tesori più autentici, unitevi ai nostri gruppi in partenza per una vacanza tutto compreso ad esempio presso il Villaggio 4 stelle a Porto Conte. CLICCA QUI e scopri tutti i dettagli.

2 Comments

  • Todde Rita

    Buondy info x una vacanza x i primi disettembre x2 persone grazie

    • Buongiorno Rita, le abbiamo inviato una mail qualche giorno fa. Ad ogni modo, cliccando sul link che trova di seguito, troverà l'elenco di tutti i nostri soggiorni di gruppo in Sardegna. Per ogni vacanza, troverà nel dettaglio tutti i servizi inclusi, le date di partenza, le mete e le escursioni previste. https://www.happyage.it/cms/catalogo/146-sardegna.html Restiamo a disposizione per qualunque informazione. Le auguriamo buona giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.