Cosa vedere in Abruzzo | Chieti e Sulmona le mete da non perdere

Abruzzo tra fede e leggenda

chieti

Abruzzo tra fede e leggenda

 

Cari Happyagers, Siete curiosi di scoprire cosa vedere in Abruzzo? Quest’oggi cambiamo scenario, dal profondo sud, vi portiamo dritti al cuore d’Italia: appunto in Abruzzo, una regione ancora lontana dal turismo di massa delle vicine Puglia e Lazio e che, siamo sicuri, saprà stupirvi piacevolmente. Infatti, dopo avervi fatti emozionare al rosso di un tramonto sulla costa dei trabocchi, questa volta cambiamo totalmente tema.

Ci immergeremo in un percorso che vi coinvolgerà totalmente, una sorta di viaggio a tu per tu con se stessi e con le meraviglie di questa regione.

Abruzzo terra di pace e di quiete, una terra che sa ascoltare senza giudicare, una terra dove anche i silenzi sanno parlare, terra forte e gentile, che ti accoglie e ti avvolge, una terra che scava a fondo fino a toccare le corde più intime e delicate dell’animo.

Ma scopriamo finalmente cosa vedere in Abruzzo.

Cosa vedere in Abruzzo

Starete sicuramente pensando a città come Pescara o l’Aquila. Dovreste ormai sapere che ci piace stupirvi!

Iniziamo, dunque, da una delle città più antiche dell’Abruzzo e d’Italia: Chieti.

Chieti cosa vedere

Chieti è una delle città più suggestive della regione. Basterebbero da soli i suoi meravigliosi panorami per farvi innamorare di lei. Infatti, essendo situata nella parte più alta della città, regala vedute meravigliose sul mare e sulle montagne.

Non solo. Chieti è anche un continuo susseguirsi di palazzi storici, antichi monumenti, negozi, piazze, fontane e vicoli caratteristici. 

Molto curato è il centro storico di Chieti. Ma a Chieti le sorprese non sono finite.

La Cattedrale di San Giustino

A Chieti potete ammirare ad esempio: La Cattedrale di San Giustino, i cui interni conservano ancora l’aspetto barocco seicentesco. Sempre nella cattedrale all’interno della cripta, sono custodite le reliquie di San Giustino.

Ci raccomandiamo cari viaggiatori, non perdetevi “lo struscio” secondo i Chietini, una passeggiata pomeridiana in Corso Marrucino, dove si affacciano alcuni dei palazzi più importanti della città.

Il parco di Villa Frigerj

E se di camminare non ne avete ancora abbastanza, ecco che potete continuare la vostra passeggiata alla scoperta delle cose da vedere in Abruzzo, facendo tappa al parco di Villa Frigerj, una fantastica villa ottocentesca, ben curata, fatta di alberi secolari, statue, piante, fontane e laghetti. All’interno del palazzo di Villa Frigerj è allestito il Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo.

Non perdetevi poi l’antico mercato del pesce e della carne di Chieti o il Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo. Il museo è ricco di reperti, tra cui, il Guerriero di Capestrano, diventato simbolo della regione. Si tratta di una statua a grandezza naturale che ritrae un re dei Vestini.

Pronti ad affrontare una salita sino al punto più alto della città? Siamo sicuri che dopo aver superato ben 259 scalini per raggiungere la Vetta del Monumento al Marinaio di Brindisi nel nostro viaggio in Puglia, niente può farvi paura.

Raggiunta la sommità, troverete l’anfiteatro romano e il Museo della Civitella.

Chieti Sotterranea

Non potete concludere la vostra visita a Chieti prima di aver fatto un salto a “Chieti Sotterranea” che in epoca romana collegava tutta la città.

Sulmona cosa vedere

Da Chieti ci spostiamo ora a Sulmona, conosciuta in tutto il mondo come la “città dei Confetti”.  Quella dei confetti rappresenta a Sulmona una tradizione secolare che continua ad essere tramandata sino ai giorni nostri.

I confetti di Sulmona sono dei veri concentrati di dolcezza, un’esplosione di profumi e sapori che si sciolgono in bocca. Passeggiando nel centro storico della città, troverete diverse botteghe colorate piene di mazzi di fiori, fatti appunto con i confetti. Cari galantuomini, non perdete l’occasione per regalarne uno alle vostre compagna di viaggio.

Confetti di Sulmona

Il centro storico di Sulmona

Sempre nel centro storico di Sulmona, caratterizzato da una forma ovale, ritrovate tutte le principali attrazioni storico-artistiche della città, come ad esempio, la Cattedrale di San Panfilo risalente al medioevo.

Nel corso dei secoli, la Basilica, fu più volte ricostruita a causa del verificarsi di molti incendi e terremoti. Ma fu nel 1706 a seguito di un voto fatto dai sulmonesi salvati dalla peste, che la Cappella di San Panfilo, venne costruita. Ancora oggi si trovano nella Basilica le reliquie del Santo.

Statua del Poeta Ovidio

Sulmona, oltre ad essere la città dei confetti, è anche conosciuta per essere la terra dov’è nato il poeta Ovidio. In suo onore i sulmonesi hanno eretto in piazza XX Settembre, una statua. Ovidio nacque a Sulmona il 20 marzo del 1943 ed il suoi nome è così noto, per aver fatto innamorare con i suoi versi d’amore diverse matrone romane di quel periodo.

Tra le altre cose da vedere a Sulmona vi sono Porta Napoli, così chiamata proprio perché rivolta verso la città partenopea. Restando in zona si trova anche la Chiesa Santa Maria della Tromba, costruita sulle rovine di un tempio dedicato a Giove.

La Transiberiana D’Italia

Da non perdere è un giro seduti a bordo dello storico treno della Transiberiana d’Italia, per ammirare le vette del Parco della Maiella.

La Transiberiana era una ferrovia che un tempo univa Abruzzo e Molise passando tra le sommità montuose della Maiella.

E anche se la domenica è fatta per dormire, voi cari Happyagers, non vorrete di certo perdervi la possibilità di riservarvi un posto a bordo di uno di questi vecchi vagoni? Dunque, giù dal letto, il treno non aspetta.

Il nostro viaggio cambia ora registro, per entrare più a contatto con la spiritualità propria di alcuni luoghi.

Santuario del Volto Santo

Tra le cose da vedere in Abruzzo, vi è anche Manoppello, un piccolo comune in provincia di Pescara. Situato appena fuori dal paese si trova il santuario del Volto Santo che custodisce una reliquia religiosa molto particolare. Si tratta di un velo molto sottile che ritrae l’immagine di un volto maschile con i capelli lunghi e la barba, molto somigliante al volto di Gesù.

Questa reliquia giunse a Manoppello nel 1506, portata da uno sconosciuto pellegrino che, dopo aver consegnato al medico Giacomo Antonio Leonelliil Velo,  sostenendo che rappresentasse il volo di Gesù, scomparve senza lasciare alcuna traccia.

Il medico, inizialmente scettico, dopo aver effettuato una serie di studi si ricredette sull’autenticità del Velo e da allora il Santuario divenne meta di pellegrinaggio.

Ma questo non è l’unico racconto che aleggia attorno a questo volto. In merito sono stati condotti anche molti studi e tante supposizioni riguardo la sua identità.

Cosa vedere in Abruzzo basilica del volto santo di Manoppello

Santuario del Miracolo Eucaristico di Lanciano

Ma dopo quello di Manoppello, è la volta del Santuario del Miracolo Eucaristico di Lanciano, in provincia di Chieti. Qui sono custodite le famose reliquie del miracolo eucaristico di Lanciano.

La leggenda racconta di un monaco basiliano che, durante la celebrazione della messa, dubitò della presenza di Cristo nella Santa Eucarestia. Ma proprio mentre pronunciava le parole della Consacrazione,  vide sotto i suoi occhi l’ostia consacrata tramutarsi in carne viva ed il vino del calice in sangue.

Successivi esami scientifici condotti negli anni 70, dopo circa 12 secoli, hanno confermato che “la carne miracolosa” è veramente carne e che “il sangue miracoloso” è veramente sangue.

Cosa vedere in Abruzzo il santuario di Lanciano

Che vogliate o meno credere a quanto tramandato nei secoli, il silenzio regale e la quiete che animano questi posti vi infonderanno comunque una pace interiore particolare. Vi permetteranno di entrare in contatto con voi stessi, in una sorta di colloquio spirituale con il vostro io.

Come visitare l’Abruzzo con un tour organizzato?

Pronti, dunque, per ritornare in questa bellissima regione per scoprire cosa vedere in Abruzzo? Con Happy Age puoi partire per un TOUR DI GRUPPO IN ABRUZZO di 3 giorni all’insegna della pace, della fede, ma anche tanto divertimento, degustazioni, visite guidate ed escursioni negli angoli più suggestivi della regione. Visiterete antichissime città e non mancheranno momenti dedicati alla preghiera. Non preoccupatevi, non possono di certo mancare degustazioni di vino e confetti.

Lasciatevi ispirare da Happy Age, scoprite tutte le nostre straordinarie proposte e prenotate con pochi click sul sito www.happyage.it

2 Comments

  • Marina Caputo

    Mi interessano i vostri programmi. Organizzate anche da altre regioni? Op. Ognuno deve raggiungere le località con mezzi propri?

    • Ciao Marina, ti ringraziamo per la tua richiesta. Tutti i nostri tour prevedono la formula "Happy Transfer", ovvero, organizziamo noi il tuo trasferimento dalla città di provenienza all’albergo e viceversa. E' possibile aggiungere "Happy Transfer" al pacchetto in fase di prenotazione. Tuttavia, digitando, https://www.happyage.it/vacanze/tour/1032-itinerari-d'abruzzo,-tra-fede-e-sapori.html puoi trovare tutte le informazioni di cui hai bisogno, oppure, puoi chiamare il nostro call center al numero 06 44250100 (dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 18.00). A presto!:)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.