Colesterolo cosa mangiare e cosa no, senza rinunciare al gusto

Natale non ti temo! Come tenere a bada il colesterolo, senza rinunciare ai sapori delle feste

colesterolo cosa mangiare e cosa no

Natale non ti temo! Come tenere a bada il colesterolo, senza rinunciare ai sapori delle feste

Colesterolo colesterolo cosa mangiare e cosa no?

Che Natale sarebbe senza pandoro, panettone, capitone, cappone, tortellini in brodo, spaghetti a vongole, pittule, baccalà, torrone, struffoli, mostaccioli e chi più ne ha più ne metta.

Da nord a sud le tavole degli italiani si riempiono di ogni tipo di bontà possibile ed immaginabile.

Difficile non lasciarsi tentare e, ancor più difficile, tenere a bada la linea e, ahimè, anche il colesterolo.

In questo periodo non è affatto facile resistere a tentazioni e sgarri alla dieta.

La maggior parte dei piatti tradizionali delle feste, infatti, di dietetico hanno ben poco. Ma non scoraggiatevi! Come sempre siamo qui in vostro aiuto.

Esistono infatti, alcuni accorgimenti e dei piccoli trucchetti per tenere a bada il colesterolo, senza rinunciare ai sapori delle feste.

Ma prima di scoprire cosa mangiare e cosa no per non far alzare il colesterolo, è doveroso e fondamentale fare un po’ di chiarezza in merito all’argomento.

Cos’è il colesterolo

Partiamo innanzi tutto con lo spiegare cos’è il colesterolo.
Il colesterolo è un grasso presente nel sangue, prodotto principalmente dal nostro stesso organismo.

Tuttavia, anche se in misura ridotta, il colesterolo può essere introdotto nel nostro corpo anche attraverso i cibi che assumiamo quotidianamente.

È importante chiarire che il colesterolo, quando è presente nel nostro corpo nei livelli adeguati, contribuisce al corretto funzionamento dell’organismo, quando invece questi livelli sono più alti della media, possono portare a gravi conseguenze per la salute.

Quando si parla di colesterolo è importante fare una distinzione ben precisa tra HDL, colesterolo “buono” e LDL ,colesterolo “cattivo”.

Mentre il primo contribuisce alla rimozione del colesterolo cattivo dal sangue, proteggendo sia il cuore che i vasi sanguigni, il secondo, trasporta il colesterolo in eccesso dal fegato alle arterie, con il rischio di ostruirle.

Monitorare dunque i propri parametri di grasso nel sangue, è di fondamentale importanza affinché la situazione non degeneri.

Colesterolo cattivo

È comunque importante sapere che il colesterolo cattivo non è dato solo da una cattiva alimentazione, ma può essere causato anche dal fumo e da uno stile di vita molto sedentario.

Dunque, care e cari Happy Agers, siete pronti a vivere queste festività senza troppe rinunce?

Cosa fare per non far alzare il colesterolo

Il nostro primo consiglio, per cercare in qualche modo di equilibrare la situazione, è quello di fare più attività fisica che potete.

L’attività fisica

L’attività fisica è importantissima per chi soffre di colesterolo alto, perché aiuta a stimolare la produzione di colesterolo buono.

Le temperature più rigide dell’inverno, tra l’altro, potenziano l’azione brucia grassi propria del movimento fisico, per cui non fatevi spaventare da una camminata a passo svelto in un bel parco, o sulla spiaggia.

Ne riceverete solo benefici.

In questi giorni, limitate anche l’uso dell’ascensore, preferendo le scale, da salire senza farvi venire il fiatone, ma con passo ritmico e lento.

Ricordate che anche i lavori domestici sono un’ottima alternativa alla palestra…se l’obiettivo e mantenersi in forma, vedrete che lavare i piatti, stirare o pulire i pavimenti non sarà più un peso, anzi, sarà una buona scusa per coinvolgere tutta la famiglia e farvi aiutare!

Colesterolo, cosa mangiare e cosa no

Veniamo ora all’alimentazione. Innanzitutto è bene sapere che i cibi di origine vegetale sono privi di colesterolo, al contrario di quelli di origine animale che vanno ad incidere negativamente sulla salute.

Affinché possiate però fare le scelte più giuste e consapevoli anche a Natale, ecco una lista di cibi da evitare assolutamente, cibi da assumere con moderazione e cibi da assumere senza problemi.

Cibi da evitare

Come già fatto presente, i cibi da evitare il più possibile per tenere a bada il colesterolo, sono sicuramente:

  • insaccati
  • formaggi stagionati e troppo grassi
  • uova
  • fritti
  • bevande alcoliche
  • alimenti raffinati.

Cibi salutari

Questo non vuol dire rinunciare al gusto per mantenere il vostro cuore in salute. La lista dei cibi “salutari” è davvero molto ampia.

Frutta e verdura

Per prime frutta e verdura di stagione, in particolare in questo periodo si trovano in abbondanza cavoli, cavolfiori, broccoli, cavoletti di Bruxelles, ricchi di vitamine e antiossidanti che riducono il rischio vascolare.

Frutta secca

Ottima è anche la frutta secca, perché ricca di acidi grassi polinsaturi Omega-6 anche se, è utile ricordarlo, è altamente calorica, per cui è bene non esagerare.

Legumi

Tra gli alimenti di origine vegetale abbiamo anche i legumi, come le lenticchie, sicuramente un must delle feste natalizie.

Costituiscono un toccasana anche i lupini, in grado di ridurre la produzione di colesterolo da parte del fegato.

Pesce verso carne

Al posto della carne, a Natale, prediligete il pesce ricco di grassi saturi Omega-3.

Cereali integrali

Sono consigliatissimi per tenere sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue anche gli alimenti integrali, perché, oltre ad essere ricchi di fibre, riducono l’assorbimento dei grassi e fanno bene al cuore, abbassando la pressione arteriosa.

Cibi da assumere con moderazione

  • Anche se apparentemente leggeri ed innocui, in realtà molluschi e crostacei sono ricchi di colesterolo, pertanto, non esagerate. Si consiglia di assumerli 1 volta ogni 10 giorni circa.
  • Uova e prodotti confezionati che ne contengono: è consigliabile non assumerli più di due volte a settimana.
  • Vino, prediligete il rosso, senza eccedere. Sono indicati 1-2 bicchieri la settimana.

Come potete vedere la lista degli alimenti per realizzare un bel menù natalizio è davvero ampia. Dunque, anche se rispettare le regole a Natale non è facile, non dovrete per forza scegliere tra gusto e salute.

Tuttavia, se l’idea di un pranzo di Natale salutare e allo stesso tempo buono, vi pare un’impresa impossibile, ecco alcune indicazioni per non sbagliare.

Colesterolo cosa mangiare e cosa no: idee per un menù di Natale salutare

Partiamo con qualche antipasto gustoso, sfizioso e al tempo stesso leggero.

Idee di antipasti di Natale

Un classico è la bresaola con scaglie di grana, rucola e qualche goccia di aceto balsamico;

Carpaccio di salmone affumicato sempre con rucola con qualche ciuffo di formaggio light spalmabile e ribes;
Molto appetitose sono le zucchine o melanzane gratinate con qualche fogliolina di basilico o ancora dei gamberi scottati su una vellutata di patate e prezzemolo.

Colesterolo cosa mangiare e cosa no: idee di primi di Natale

Grandi protagonisti delle feste sono i primi di pesce.

Pertanto potete preparare degli spaghetti con le vongole (tipici della cultura napoletana).

In Puglia, invece, si cena con i cavatelli ai frutti di mare o con le cime di rapa con le acciughe, queste ultime essendo particolarmente ricche di acidi grassi della classe Omega 3, riducono il livello del colesterolo “cattivo” nel sangue ed hanno effetti benefici sul sistema cardiovascolare.

Se invece non amate i sapori troppo forti del pesce, ad esempio, molto diffuso tra le famiglie piemontesi a Natale è il tipico risotto al Barolo o ancora, potete preparare un grande classico della cucina veneta, ovvero, il risotto al radicchio o i tortellini in brodo o le scrippelle ‘mbusse alla teramana.

Per abbassare ulteriormente i livelli di colesterolo, prediligete la pasta integrale, mentre, quando preparate i risotti, al posto del burro utilizzate l’olio evo.

Passiamo ora ai secondi, avrete veramente l’imbarazzo della scelta.

Ad esempio, delle belle capesante su un letto di crema di zucca, oppure, un bel trancio di salmone ai ferri con un’insalatina di finocchi, arance e menta.

Ancora, una bella spigola al cartoccio con delle patate al forno, condite con del rosmarino, oppure, un filetto di tonno in crosta di patate con insalata di rucola e melograni.

Se invece preferite la carne, potete optare per un bel polpettone, da fare rigorosamente senza uova.

Al posto delle uova utilizzate un pochino di acqua oppure del latte vegetale.

Vedrete, toglierete grassi al vostro polpettone pur conservando il sapore.

In generale, le uova possono essere evitate in quasi tutti gli impasti salati, anche per spennellare dolci e torte salate utilizzate un pochino di latte vegetale o nulla.

Il calore del forno farà colorare comunque gli alimenti in cottura.

Ancora, potete preparare un bel pollo al curry con le arance, accompagnate con delle patate al pepe rosa e lime, oppure, un arrosto di maiale con le mele o uno spezzatino di vitello ai funghi.

Per quanto riguarda i dolci, beh, concedetevi pure una bella fetta di pandoro o di panettone e un po’ di sano torrone.

Ricordandovi che il segreto sta sempre nel non eliminare le pietanze, ma nel ridurre le porzioni.

E se proprio non volete rinunciare a nulla, cercate di fissare due giorni, per esempio il 25 e 31 dicembre di sgarro, cercando però di essere rigorosi ed impeccabili nei giorni precedenti e successivi.

 

Durante il periodo natalizio, tuttavia, è sempre difficile “rispettare le regole” e scegliere tra salute e gusto,

Qualora questi aspetti non fossero sufficienti, sarà lo specialista a stabilire eventuali terapie farmacologiche per far abbassare il colesterolo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.