Città murate del Veneto le più belle da vedere da Cittadella ad Este

Alla scoperta delle città murate del Veneto, tra cinta murarie, fossati e castelli

città murate del Veneto

Alla scoperta delle città murate del Veneto, tra cinta murarie, fossati e castelli

Chi l’ha detto che l’estate è solo sole, mare ed ombrellone? Dalle bellissime località di mare che abbiamo scoperto nei giorni scorsi, come Stintino in Sardegna, oppure, Porto Azzurro sull’isola d’Elba, quest’oggi si cambia completamente registro.

Dal centro-sud, ci spostiamo al nord in uno scenario di altri tempi, per fare un tuffo nella storia e nella cultura.

Immaginate! Di tornare indietro in un’epoca storica fatta di castelli, fossati, borghi antichi, valorosi cavalieri e massicce mura di cinta. Adesso aprite gli occhi, perché, tutto questo si trova a poca distanza dalle più famose città d’arte del mondo, dal bellissimo e suggestivo lago di Garda e dalle alte cime bianche delle Dolomiti.

Si trova nel cuore di un Veneto ancora poco conosciuto, dove il turismo di massa, lascia il posto ad un turismo lento e sostenibile volto alla cultura ed al sapere.

Stiamo parlando dei borghi e delle città murate del Veneto. Si tratta di borghi dalle antichissime origini, risalenti al Medioevo. Infatti è proprio questa l’età storica che ne ha plasmato l’aspetto così come possiamo ammirarle oggi.

Un’eredità giunta sino ai giorni nostri di inestimabile valore.

In particolare le bellissime mura di cinta innalzate migliaia e migliaia di anni fa alte, vigorose e possenti, dai signori dell’epoca, hanno fatto si che le città edificate al loro interno potessero proteggerle dagli attacchi esterni.

Il loro fascino non è stato alcun modo scalfito dallo scorrere del tempo. Poterle contemplare nel 2022 è un regalo che non ha prezzo.
Dunque, care e cari Happy Agers, se anche voi desiderate trascorrere un’estate più profonda lontana dai ritmi frenetici della vita di ogni giorno, non dovrete fare altro che seguirci in questo nostro tour tra le città murate del Veneto.

Quante e quali sono le città murate del Veneto

Le città murate del Veneto, sono davvero molte e si trovano un po’ in tutta la regione. Molte si concentrano nella provincia di Padova, ed è proprio in questa zona che ritroviamo le testimonianze di città fortificate più rappresentative, con roccaforti, imponenti baluardi difensivi, castelli, etc. Alcune tra le più importanti sono:

  • Cittadella;
  • Marostica;
  • Montagnana;
  • Castelfranco Veneto;
  • Asolo;
  • Valeggio sul Mincio;
  • Soave;
  • Monselice;
  • Este;
  • Lazise.

Tuttavia, noi abbiamo selezionato per voi le città murate più belle e caratteristiche.

Alcune sono più vivaci e socievoli, altre sono un po’ più schive e tranquille. Tutte ad ogni modo vi porteranno in un viaggio storico che saprà emozionarvi e stupirvi.

Cittadella

Il nostro tour alla ricerca delle città murate del Veneto, non può che iniziare da Cittadella, l’unica cittadina non solo della regione, ma anche d’Europa ad essere racchiusa in una cinta muraria di forma ellittica  di 15 metri, completamente percorribile a piedi. Ed è proprio il Camminamento di Ronda medievale, a rendere Cittadella così tanto particolare.

La posizione strategica di Cittadella rese necessaria la costruzione delle sue mura. Cittadella infatti, è stata più volte  sottoposta nel corso delle varie vicende storiche ad attacchi e tentativi di invasione da entrambi i lati della barricata. Le mura furono così erette così nel 1220 e prese in carico a partire dal ‘300 dai i Carraresi, nonché signori di Padova, il cui stemma è possibile ancora oggi notarlo sui mattoni della cinta.
Queste mura rappresentano un vero e proprio reperto archeologico di inestimabile valore. Sono oggetto d’interesse non solo dal punto di vista archeologico, ma anche urbanistico. È interessante notare come l’intera città sia stata costruita ed organizzata tutta attorno alle due vie principali che si congiungono alle quattro porte che si aprono lungo le mura:
Porta Treviso, Porta Bassano, Porta Padova e Porta Vicenza. Le quattro porte corrispondono sia ai punti cardinali che alle direzioni strategiche delle suddette città.
Passeggiare su queste mura, sarà un esperienza unica, un tuffo emozionante di 8 secoli di storia fa, dall’alto delle quali potrete ammirare i Colli Euganei a sud e il Monte Grappa a nord.

 

Monselice

Dalle mura della città di Cittadella passiamo alle mura della città di Monselice.
Monselice, conosciuta anche come “porta degli Euganei“, nel Medioevo ricopriva un ruolo strategico davvero importante.

La cittadina deteneva, infatti, il controllo sulla via che da Padova procedeva verso le città di Rovigo e Bologna. Ma non solo. Esercitava un certo controllo anche verso tutto il centro e sud Italia.

Per quanto riguarda l’antica cinta muraria di Monselice, purtroppo, non resta molto. Ma ad attirare ogni anno molti visitatori è senza alcun dubbio il suo Castello costruito per volontà dell’imperatore Federico II di Svevia.

La rocca si trova su di una collinetta e con il suo fare fiero ed austero, padroneggia sull’intero abitato.
I lavori del castello iniziarono a partire dal 1237 sulla base di quattro vecchi edifici preesistenti. Nel corso secoli con il succedersi di diverse nobili famiglie, il castello è stato più volte oggetto di interventi strutturali ed architettonici. Il suo aspetto più imponente, duro e massiccio lo dobbiamo al primo “proprietario” della rocca, il Signore Ezzelino Da Romano, (detto il terribile) mentre, i toni più dolci e gentili li si devono alle famiglie della nobiltà veneziana.

Pensavate che oggi non ci sarebbero stati scalini da percorrere. Beh, vi sbagliavate. Per giungere alla sommità del castello, dovrete imbattervi in una ripida scalinata. Durante il cammino vi troverete sette cappelle votive note come Santuario Giubilare delle Sette Chiese e termina a fianco della cinquecentesca Villa Duodo.

La ricompensa è una splendida vista che abbraccia la pianura fino al mare.

 

Montagnana

Senza dubbio una delle più belle città murate del Veneto e d’Italia. Ancora oggi conserva intatti i suoi due chilometri di cinta muraria.

La necessità di costruire le mura a Montagnana, nasce dall’esigenza dei Carraresi di difendere il loro confine occidentale dalla minaccia degli Scaligeri di Verona.

Le mura furono terminate verso la metà del ‘300 e sono caratterizzate da strati di mattoni e pietre, che creando un effetto davvero particolare. Il tutto è poi coronato da bellissime merlature guelfe per un’altezza che va dai 6.5 agli 8 metri e uno spessore attorno di ben un metro.

Sono state erette inoltre, ben 24 torri perimetrali distanziate tra loro di circa 60 metri e si elevano fino 19 metri d’altezza affacciandosi sul fossato esterno.

 

Città murate del Veneto: Este

È la volta della città murata di Este, una città elegante e ricca di storia dall’aspetto medioevale. Le sue mura risalgono ai primi anni del Trecento e furono costruite per volere dei Carraresi di Padova.

Il sistema difensivo della città è giunto dal XIV secolo sino ai giorni nostri, quasi totalmente integro. Si estende per circa un chilometro alternato da 14 torri aperte verso l’interno (di cui oggi ne sono conservate 12), merlature guelfe ed un mastio alto 21 metri.

Tuttavia, Il monumento simbolo di Este è il suo Castello Carrarese. Si dice che nel 1115 fosse di proprietà del marchese Alberto Azzo d’Este. Più volte la città nel corso dei secoli è stata assediata e conquistata: nel 1249 prima dai padovani, poi sempre nel 1249 da Ezzelino.

Fu così necessario a causa di diversi provvedimenti di fortificazione la costruzione delle sue mura durata non meno di un secolo, e terminati nel 1339.
Oltre al castello durante la vostra passeggiata in centro potrete ammirare anche molti altri edifici di una certa importanza storica come il Museo Nazionale Atestino.

 

Valeggio sul Mincio

La nostra prossima tappa è Valeggio Sul Mincio, a nostro parere, una delle città murate più belle del Veneto. Valeggio sul Mincio è considerato, inoltre, uno dei borghi più belli d’Italia. E’ situato al confine tra Veneto e Lombardia, nella cui valle del fiume Mincio, sorge questo antico villaggio fatto di mulini, casette e cascatelle, un luogo incantato dove il tempo sembra essersi fermato e dove la calma.

Termina così il nostro tour tra le città murate più belle del Veneto, un’esperienza davvero unica che costituisce un autentico tuffo nel Medioevo.

 

I tour di Happy Age in Veneto

Se desiderate scoprire le città più belle del Veneto, la loro storia, i  loro scorci più belli, allora unitevi ai nostri gruppi in partenza per una vacanza tutto compreso ad esempio presso l’Hotel Terme Helvetia. CLICCA QUI e scopri tutti i dettagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.