Cosa vedere Piemonte: viaggio alla scoperta dei mille volti della regione

Cosa vedere in Piemonte, alla scoperta dei mille volti della regione

cosa vedere piemonte

Cosa vedere in Piemonte, alla scoperta dei mille volti della regione

Un viaggio tra città e curiosità del Piemonte non è solo interessante, ma anche arricchente e stimolante, perché non si sa mai abbastanza sulla nostra bella Italia e dei progetti che l’hanno resa unica. Vediamo allora cosa vedere in Piemonte.

 

di Annalisa Tirrito

 

Cosa vedere in Piemonte, Torino e dintorni

Il Piemonte lo immaginiamo austero e talvolta addirittura poco accogliente. Ma bando ai luoghi comuni, un viaggio nella regione e a Torino, il suo capoluogo, al contrario, è una piacevole sorpresa.

 

Torino

Vuoi per la vocazione della città a palcoscenico di eventi, vuoi per la cucina così sostanziosa, per non parlare del famoso bicerin e del vino, uno fra tutti il Barolo,  l’atmosfera si crea immediatamente, ed è subito amore.

 

Una città elegante, ma anche mix di antico e moderno, dall’architettura barocca alle strutture ardite, come i grattacieli di Massimiliano Fuksas e Renzo Piano.

Come accade per gli eventi, sempre un passo avanti nel proporre novità, con l’appuntamento Artissima per l’arte o con il Salone del Libro per la letteratura.

La Mole Antonelliana

La Mole Antonelliana, con la sua alta e singolare guglia, è un’esperienza da provare, unione tra architettura e Museo del Cinema, entrambe costruzioni immaginarie dove immergersi e sognare.

Musei, parchi e palazzi

Ma c’è anche tanto altro, come il Museo dell’Automobile, il Museo Egizio, Palazzo Madama e il bellissimo Parco del Valentino, polmone verde in città, lungo le rive del Po.

Scenario imprescindibile degli sposi torinesi proprio a ridosso del centro storico, nel quartiere San Salvario.

 

Torino e dintorni

La Sacra di San Michele

Le zone fuori porta poi offrono gite e visite culturali di grande interesse. Un’altra delle cose da vedere in Piemonte è per esempio la monumentale Sacra San Michele a 40 Km da Torino, che ispirò il Nome della Rosa allo scrittore Umberto Eco, e che per scenario e misticismo immerge il visitatore in una dimensione surreale.

Quasi ci si sente parte del romanzo, già dalla salita fino all’abbazia, per i più temerari a piedi o in bicicletta, per godere meglio la natura e poi una volta su, dai suoi torrioni, ammirare Torino e la Val di Susa.

Motivi che attirano pellegrini e turisti tutto l’anno, oltre a sportivi e viaggiatori da ogni dove.

 

Collegno

Anche Collegno è a pochi chilometri da Torino, dove si può visitare il Villaggio Operaio Leumann, un singolare esempio di edilizia industriale risalente all’ottocento e preservato fino ai giorni nostri in ottimo stato.

 

Voluto dall’imprenditore Napoleone Leumann, è un quartiere operaio in style liberty, a fianco al suo cotonificio, con residenze a misura d’uomo, con la scuola, la stazione e la chiesa.

La Venaria Reale

Una visita a Torino però non può prescindere da La Venaria Reale, a mezz’ora dalla città.

Residenza Sabauda nonché patrimonio dell’Unesco dal 1997, è in arte barocca con la meravigliosa Galleria Grande, la Sala di Diana, e le Scuderie Juvarriane, un vero capolavoro tra arte architettura e paesaggio.

Il lago maggiore

Durante il nostro viaggio alla scoperta della regione, non può di certo mancare una visita sulle sponde piemontesi del Lago Maggiore. In particolare i suoi giardini, le città di Stresa e Verbania, i meravigliosi paesaggi e la natura più rigogliosa ed incontaminata, sono uno spettacolo da non perdere.

 


I tour di Happy Age in Piemonte

Per ammirare da vicino i tesori del Piemonte, unisciti al nostro gruppo in partenza con il TourPasqua in Piemonte: imponenza e bellezza“. CLICCA QUI per scoprire i dettagli e prenotare

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.